Week-end Letterario 2013

Week end letterario – ven.4/10-dom.6/10 2013

Le fiabe, gli animali e noi

AA.VV. (1954) Fiabe francesi della Corte del Re Sole e del secolo XVIII. Einaudi, Torino 1970.

Angelo mio, m’immaginavo
Che volassi in uno spazio
siderale e invece
sei comparso a quattro zampe
sotto forma d’animale.”
Franco Marcoaldi, Animali in versi, Einaudi, 2006.

Come gli anni scorsi il nostro piccolo gruppo di staff ha scelto un argomento e l’ha approfondito. Eravamo curiosi di entrare nel tema del legame tra l’animale e l’essere umano.
Pensiamo che, oggi come in passato, rappresenti spesso una relazione fatta di affetto e sostegno reciproco, senza violenza e sfruttamento, in forma concreta e/o fantasticata.
Abbiamo tutti storie da raccontare… animali veri o simbolici che sono stati d’aiuto, ci hanno capito e sostenuto.
Non possiamo certo dimenticare, ed escludere dalla nostra riflessione, l’uso anche spietato che l’essere umano ha fatto e tutt’ora fa dell’animale per avere cibo, lavoro ecc., ma vogliamo mettere da parte, per ora, questo versante del tema?
Negli incontri di preparazione al “campo” ci siamo inoltre resi conto che le fiabe potevano essere una guida con i loro simboli, le loro metafore, come nei sogni. Per capire e sperimentare cose nuove, con noi stessi e con il mondo.
Una fiaba sarà il nostro testo di riferimento. Vi proponiamo quindi di stare con noi questi giorni, con il gioco e la leggerezza, per interrogarci sul tema e comunicare tra noi nella maniera che auspichiamo più autentica possibile.

Il nostro week-end
Il nostro week-end inizia il venerdì alle ore 17. Ci si sistema nelle camere, ci si guarda intorno, si ammira il paesaggio, si comincia a fare conoscenza.
Alle 20 la cena. Dopo cena ha inizio il nostro incontro vero e proprio, con una presentazione giocata sugli animali. Prima di lasciarci la nostra “nonna” di turno ci leggerà una fiaba.
Tutti a dormire e gli insonni a guardare le stelle o a sentire musica. Gli entusiasti eccitati possono anche parlare tutta la notte lasciando però gli altri russare.

La mattina del sabato colazione e, subito dopo, tutti insieme a raccontarci e ascoltare sogni e pensieri ispirati o meno dalla fiaba.
Ci sarà una breve relazione sul significato simbolico degli animali nei sogni e nelle fiabe e a seguire un gioco che aiuta a comprendere insieme il significato personale dell’animale nella vita di ciascuno in relazione al vissuto e al tessuto immaginario.
Siamo così arrivati all’ora di pranzo. Dopo pranzo riposo, passeggiata, conversazioni.
Verso le 15 si riprendono le fila, parlando di sogni, fiabe, ed esperienze che hanno svelato a noi stessi l’animale amato, l’animale totem, l’animale mancato, l’animale perduto, l’animale temuto e l’animale desiderato. Lo scambio prepara ad un’esperienza dove anche il corpo sarà protagonista. Riposo, cena e serata con film.
La mattina della domenica è dedicata ad una attività di rilassamento e giochi teatrali e alle conclusioni con bilancio del campo. Pranzo, abbracci e saluti.
Vi aspettiamo molti o pochi fa lo stesso, staremo bene insieme.
Claudio, Enrica, Giovanna, Livia, Raffaella